Anelli

Un solitario: l’anello che sigilla il tuo amore

La scelta di un diamante solitario è molto più difficile di quanto si creda. Il catalogo molto vasta dei vari modelli rende l’acquisto di un anello solitario molto complicato. Se si entra in un negozio di gioielli o si cerca su sito online, ci si trova davanti una vasta scelta di grandezze, dimensioni, forme, misure, tagli, colori e ovviamente prezzi. Tutto questo può confondere le idee, soprattutto se si acquista per un’occasione speciale come può essere una proposta di matrimonio. Ecco qui alcuni suggerimenti, o meglio linee guida, che possono aiutarvi a navigare meglio in questo ampio mondo dei diamanti.

solitarioUn grande classico tra gli anelli di fidanzamento

Un solitario è un anello, generalmente in oro bianco, sul quale viene incastonata una gemma centrale. Gli anelli solitari sono quindi caratterizzati dalla presenza di un’unica pietra. Si predilige solitamente un diamante a goccia, a cuore o con taglio princess, ma a seconda dell’occasione, si può anche scegliere uno zircone o altre pietre preziose.

Il significato di questo gioiello risale ai tempi antichi (XV secolo) ed è simbolo di amore eterno. Regalare un solitario dimostra quindi lo sconfinato amore che si prova per il proprio partner, l’unione infinita.

Quando si sceglie il solitario per una proposta di matrimonio, è importante non dimenticarsi dei gusti del destinatario. Che tipo di persona è? Sportiva oppure classica? Preferirà qualcosa di semplice e lineare come l’anello solitario con diamante CT. 0,04, oppure puoi osare verso qualche design più particolare come l’anello solitario con diamante CT. 0,16? Fatto questo la ricerca risulterà molto più semplice.

Per quanto riguarda le caratteristiche più tecniche da tenere a mente sono sostanzialmente due: la montatura e la qualità del diamante. Andiamo ora a vederli nel dettaglio.

solitario paveLa scelta della montatura e del diamante

Quando si sceglie l’anello solitario con diamante, assicurati che la montatura non sia né troppo sottile né troppo spessa. Una montatura troppo sottile con il passare del tempo potrebbe infragilirsi e c’è il rischio di perdere il diamante; al contrario una montatura troppo spessa potrebbe appesantire visivamente, e letteralmente, il dito di chi lo indossa. È bene quindi non scendere mai sotti i 2-2,5 grammi per il peso dell’oro. Se non sei sicuro, chiedi sempre al tuo gioielliere nella fase di acquisto e ricorda che l’anello dovrà resistere ad un utilizzo quotidiano.

Per quanto riguarda il diamante, questo viene classificato secondo quattro caratteristiche principali: il taglio, ovvero le sue proporzioni, il colore, che va da una scala da D a Z, la purezza, ossia quanto è pulito internamente il diamante e la caratura, cioè il suo peso.

La caratteristica più importante per un diamante è che si tagliato bene, che abbia un bel colore e che sia il più pulito possibile. Anche la grandezza è fondamentale, ma bisogna ricordarsi che sopra al carato l’anello diventerà davvero importante e difficile da indossare tutti i giorni.

Infine, assicurati che il tuo diamante sia certificato da uno da uno studio gemmologico; questi sono i tre più affidabili a livello internazionale IG, GIA e HRD.

2 thoughts on “Un solitario: l’anello che sigilla il tuo amore

  1. luca ha detto:

    sto per chiedere alla mia fidanzata di sposarmi e questo articolo mi ha chiarito le idee! grazie

  2. Roberto ha detto:

    Articolo molto utile per chi come me è alla ricerca disperata dell’anello perfetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *