Navigation

Non ci sono articoli nel carrello

Anelli Trilogy per Anniversari, Proposte di Matrimonio

Anelli Trilogy per Anniversari e Proposte di Matrimonio

Anello trilogy in oro bianco con tre diamanti

Cosa c’è di più bello da regalare ad una donna per un anniversario o una celebrazione romantica, che un anello Trilogy? Gli anelli Trilogy rappresentano nell’immaginario comune più di un semplice anello, rappresentano il simbolo perenne dell’amore eterno.

D’altronde non può che confermarlo ogni donna: per la Proposta con la P maiuscola il Trilogy rappresenta, insieme al Solitario, l’anello per eccellenza.

In realtà, l’anello Trilogy per  la proposta di matrimonio è un tipo di anello che si sta diffondendo negli ultimi anni, in precedenza veniva preferito il Solitario. L’anello Trilogy, invece, veniva richiesto in particolar modo per celebrare degli anniversari più importanti.

Ora non è più così e sempre più uomini (spontaneamente o dietro il suggerimento delle donne) stanno scegliendo proprio l’anello Trilogy anche per la proposta di matrimonio.

 

Cosa Rende gli Anelli Trilogy così Speciali

Anello in oro bianco con tre diamanti taglio brillanteSi tratta di tre diamanti incastonati su una montatura preziosa  generalmente in oro bianco, ma spesso anche in argento o in platino.  

Questo anello è dotato di un forte simbolismo in quanto i tre diamanti esprimono una dichiarazione d’amore che va oltre qualsiasi barriera di tempo:  tu sei il mio presente, il mio passato e il mio futuro.

Il diamante centrale è a volte di dimensioni lievemente maggiori o è posto leggermente in rilievo rispetto a quelli laterali, per sottolineare l’importanza del presente. Esso afferma che “siamo insieme in questo istante”.

Nonostante il diamante sia generalmente considerato come il simbolo definitivo dell’amore puro, duraturo, indistruttibile e incondizionato, la pietra centrale di un Trilogy può anche essere una gemma differente utilizzata per esprimere un ulteriore significato: per esempio, smeraldo per la fedeltà, zaffiro o opale per la sincerità, rubino per la passione.

In un anello Trilogy regalato nel corso di una relazione già matura, la gemma centrale significa dedizione e quelle laterali fiducia e rispetto.

Le coppie cristiane credenti danno a questo anello un significato alternativo, secondo cui la pietra centrale rappresenta Dio come fulcro e autore della relazione e i due diamanti laterali la coppia, unita dalla fede in Dio.

Un anello dalla simbologia profonda, insomma, che si presta ad essere il regalo perfetto per ogni occasione importante, sicuramente molto apprezzato da ogni donna che lo riceverà.

 

Scegliere un Anello Trilogy

Anello in oro bianco 750°/°° con tre diamanti taglio brillanteLe forme e i design di tale anello sono le più svariate, per soddisfare tutti i gusti. Infatti se si pensa che si tratti di un gioiello poco portabile, troppo impegnativo, ci si sbaglia: i designer hanno sviluppato un’infinità di forme, materiali e stili diverse per creare anelli che si possano abbinare con quasi qualsiasi tipo di abbigliamento, dall’elegante al casual, del formale allo sportivo.

Le pietre sono più spesso allineate orizzontalmente, ma sono abbastanza comuni anche modelli con le pietre poste diagonalmente o in verticale, seguendo un intricato gioco di linee.

Molto interessanti  anche le varianti vintage. Infatti In passato, fino agli anni ’90, questo anello non era proposto nella versione attuale: l’oro spesso era oro rosa e non era composto da 3 diamanti, ma comunemente da 2 brillanti e da uno zircone. Solo a seguito degli anni ’90 il Trilogy è divenuto quello che tutti conosciamo.

Anche i prezzi con cui si trovano in commercio questo tipo di gioielli possono variare molto: da cifre più “abbordabili”, sebbene ovviamente non siano economici, a cifre veramente importanti a sei zeri e più.

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione, continuando a navigare questo sito acconsenti al loro utilizzo. Politica sui Cookie
x

Loading..

Product was successfully added to your shopping cart.